Certificazione Energetica

L’Attestato di Prestazione Energetica (APE) è un documento ufficiale, valido 10 anni, prodotto da un soggetto accreditato dai diversi organismi riconosciuti a livello locale e regionale ed è il documento che stabilisce in valore assoluto il livello di consumo dell’immobile inserendolo in una apposita classe di appartenenza. Più è bassa la lettera associata all’immobile e minore è il suo consumo in termini energetici. Per fare questo devono essere valutate attraverso calcoli tutte le dispersioni dell’immobile in oggetto come muri, finestre, tetto, solai, ecc..
Una volta stimato il consumo dell’edificio è possibile ridurlo tramite appositi interventi, che possono essere eventualmente analizzati in dettaglio tramite un’analisi energetica, ma di cui si danno già delle indicazioni all’interno dello stesso Attestato di Prestazione Energetica. Con un opportuno cambio del generatore di calore e una coibentazione di alcune parti dell’edificio si possono abbattere i consumi anche di oltre il 50% e quindi a fronte di un investimento, che potrebbe anche essere ridotto con aiuti statali (55% detrazione fiscale), si hanno dei notevoli risparmi futuri. Se si spende 1.500 € annui di riscaldamento, ad esempio, investendo 6.000 per realizzare un cappotto, se si ottiene un risparmio  del 40 % si recupera l’investimento in 10 anni (nella metà del tempo se si accede agli sgravi fiscali) e in seguito riscaldare la casa costa la metà.

Cos’é la Certificazione Energetica costi ed esempi